Solo…

Ma che tempo strano

tu parli e non ti sento

punzecchia la mia pelle

la pioggia che scende

e non ho capito

se sono solo gocce

oppure le tue frasi

taglienti come sempre

 

Ma che tempo strano

tu gridi e non ti guardo

catturano i miei occhi

quei campi di grano

gialli mossi al vento

rilassano la mente

non come la tua voce

che stressa e mi confonde

 

Lasciami da solo

davvero, da solo

Voglio stare solo

davvero, da solo

 

Io rimango qui

ad ascoltare il mare

molto meglio delle tue parole

che non hanno senso

anzi fanno male

e si perdono tra queste onde

grandi come case

case americane

allontanandoti… 

 

Ma che tempo strano

cos’è che mi dicevi?

le nuvole che vanno

mi chiudono le orecchie

ai pensieri strani

alle tue invettive

che inesorabilmente

trafiggono il mio cuore

 

Lasciami da solo

davvero, da solo

Voglio stare solo

davvero, da solo

Io rimango qui …

 

Lasciami da solo

voglio stare solo

davvero

muovermi nell’aria

e nell’aria andare

leggero

come un aeroplano

meglio se un aliante

sospeso

con le ali appoggiate

sul bordo di due stelle

lontane.

 

©2000 Fausto Boggiani

Solo…ultima modifica: 2008-01-19T20:51:16+01:00da gahrandar
Reposta per primo quest’articolo